• Twitter
  • Facebook
  • Google+
  • RSS Feed

venerdì 5 luglio 2013

Lavaredo Ultra Trail 2013

5 commenti:
 
(segue da qui) 


Si parte lungo la via principale di Cortina. Con calma come spesso avviene nei trail lunghi. Sono 745 gli atleti al via. Ci sono molti stranieri ed anche parecchie donne. Sotto un bel sole ci si inerpica lungo le strade asfaltate in attesa del bivio che scambierà la strada con il sentiero all'interno del bosco. Un paio di km e ci siamo, il serpentone rallenta ed è subito salita. Me la prendo con calma, mi fermo a fare foto e scambio qualche chiacchiera con vari partecipanti. Passiamo lo spettacolare lago Ghedina che, per le piogge e le nevicate, è quasi tracimato ma mantiene il suo caratteristico colore verde brillante. Siamo sempre nel sottobosco ma ogni tanto gli alberi si aprono e riusciamo a sbirciare un grandioso panorama. Raggiunta la cima, dopo un'oretta di gara, mi fermo ad osservare le vette innevate che ci circondano. E' uno spettacolo, fermo uno spagnolo e gli dico "In Spagna non ce le avete montagne belle come queste!", "Forse no" - risponde - "però abbiamo Killian!". Sorrisi e pacche sulle spalle che servono pure da incitamento.
Si discende verso rifugio Ospitale dove ci attende il primo ristoro superato il quale si torna a salire sul serio. Le pendenze sono notevoli, la strada si inerpica su per un bel sentiero, è tosta ma so che mi porterà al punto più alto della corsa: Forcella Son Forca a quota 2100 metri. Via via che si sale la temperatura scende e, verso la fine, troviamo anche la neve.
Una volta scollinati trovo un britannico che mi chiede di fargli una foto, gliela scatto volentieri e in cambio gli chiedo di farne lui una a me.

Da qui comincia una bellissima discesa su sentiero. C'è di che divertirsi, anche senza forzare più di tanto. La neve sui bordi si dirada via via che scendiamo, incontriamo un po' di fango e qualche tratto paludoso ma niente di drammatico, lo stato di divertimento rimane intatto.

La discesa termina presso un altro ristoro, quello dell'hotel cristallo al km 32.
Anche a questo ristoro me la prendo con calma. Mi fermo e mangio e bevo a volontà. Sono a 4 ore di gara, la media è incoraggiante e comincio a fare un primo calcolo del tempo con cui potrei chiudere. Direi tra le 12 e le 13 ore, con arrivo al traguardo di Cortina verso le 20.30. Ci sto!
Riprendo controllando mentalmente questi calcoli e imposto la rotta con destinazione Misurina. Li è previsto il ristoro di metà gara dove troveremo la sacca con il cambio di indumenti. Prima però c'è da risalire ancora. 600 metri di dislivello da aggiungere a quelli già percorsi. Senza rendermene conto sono passate 5 ore, sono le 13 e la temperatura non è più così fresca. Continuo ad idratarmi e mantengo la regola di mangiare qualcosa ad ogni ora. All'inizio sono gel, dopo passo alle barrette perchè gusto e consistenza dei gel risultano pericolosi per lo stomaco.
Dopo l'erta, percorsa con buon passo, affrontiamo un tratto di saliscendi piuttosto corribile. Approfitto per aumentare il ritmo. D'un tratto sbuchiamo sul lago di Misurina. Mi guardo attorno cercando il ristoro ma non lo vedo. Percorriamo il perimetro del lago, su ciclabile sterrata, ed ho modo di sciogliere le gambe corricchiando anche in maniera decente. Terminato il periplo dello specchio d'acqua ecco finalmente le tende del ristoro.
Il km è il numero 42, l'arrivo di una maratona, ma per me si tratta soltanto della prima metà di gara.
(continua...)

5 commenti:

  1. Fascino e bellezza, della natura locale, irresistibili. Comunque sempre gara estrema per quel che riguarda la lunghezza. Chissà se forse un giorno capirò anche chi corre oltre 24 ore dentro una pista d'atletica per il momento non è così.
    Complimenti per la tranquillità che riesci a mantenere per tutta la gara. Leggerò anche il seguito... A presto

    RispondiElimina
  2. suggestive le foto all'alba!

    RispondiElimina
  3. All'insegna della calma... Ottima idea! Ne vedremo i frutti nelle prossime puntate?

    RispondiElimina
  4. Che viaggi mi sto facendo leggendo queste righe.
    Grazie Giacomo!

    RispondiElimina
  5. il bello è che ce le racconti sempre come delle scampagnate... in realtà vai fottutamentee veloce, grande Giacomo, io clicco MI PIACE (movate che spetto el resto)

    RispondiElimina

Scrivete un po' quel che vi pare, per il momento non modero perchè non c'ho voglia.
Solo una cosa, una firma è sempre gradita.

 
© 2012. Design by Main-Blogger - Blogger Template and Blogging Stuff