• Twitter
  • Facebook
  • Google+
  • RSS Feed

lunedì 18 febbraio 2013

L'arte dell'improvvisazione a volte fa il miracolo

36 commenti:
 

L'arte dell'improvvisazione è una cosa per pochi. E' una pratica piuttosto diffusa in certi ambienti musicali ma, a guardar bene, la si può estendere a quasi tutti gli ambiti della vita. La corsa non fa eccezione.
Dopo la corsa di ieri, andata benissimo, ho capito una cosa. Ad improvvisare non sono quelli bravi, sono quelli preparati e ieri è capitato a me. Sono partito senza un'idea ben chiara di quello che potevo dare. Sapevo di voler migliorare il mio personale precedente in mezza maratona (1h 22' e 59") e pensavo di poter tenere un passo di 3'55/km. Non avevo però provato il passo gara nei giorni antecedenti la corsa e nemmeno avevo fatto degli allenamenti che potessero fungere da "termometro" per il ritmo da sostenere per i 21 km.
Ero però preparato, questo si. Dall'inverno scorso, pur avendo ridotto un po' gli allenamenti, ho sempre mantenuto una certa quantità e qualità di sedute e questo mi ha portato a mantenere il livello di forma costruito nel 2012.
Ecco, questo mi ha permesso di poter improvvisare con successo.

L'improvvisazione è consistita nel partire subito piuttosto forte. I passaggi riportavano ritmi di 3'48/km. E, nonostante una voce interna mi ripetesse le parole "sindrome del bersagliere" (espressione coniata da yogi) le gambe rispondevano "andiamo!".
Nel giro di qualche km mi sono dovuto così confrontare con il dubbio: assecondare le gambe e continuare con quel passo oppure dare ascolto alla testa e rallentare ?
Generalmente avrei dato ascolto alla testa ma ieri no. Ho deciso di improvvisare ed assecondare le gambe.
E' stato un rischio ma alla fine ha pagato. Le gambe, per una volta, la sapevano più lunga della testa. Hanno tenuto fino alla fine, forse perchè punte nell'orgoglio non volevano darla vinta al cervello, e mi hanno consentito di chiudere la gara con un tempo impensabile: 1h 20' e 37".
Più di 2 minuti sotto al precedente personale. Davvero tanta roba.
Il tutto condito da un passaggio da bribidi all'interno dell'Arena di Verona e da una presenza massiccia di Fulminei nella corsa.
Una giornata davvero stupenda e non solo per il risultato.

Riportando il riassunto di TDS è incredibile la regolarità con cui ho corso. E non era affatto facile visto che il percorso presentava numerose curve ed un sacco di passaggi con pendenza. A volte in salita altre volte in discesa.

SplitTimemin/KmDeltamin/KmRealTime
Km 50:19:073,490:19:073,490:18:55
Km 7 - Giro di Boa0:26:433,490:07:363,470:26:31
Km 100:38:103,480:11:273,490:37:58
Km 12.20:46:373,490:08:273,500:46:25
Km 150:57:243,490:10:473,510:57:12
Arrivo1:20:493,490:23:253,501:20:37



36 commenti:

  1. giù il cappello! bravissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Walter. E infatti sono proprio contento!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie Frank. Detto da te poi, vale un bel po'

      Elimina
  3. improvvisazione=jazz! un bersagliere jazzista può fare miracoli..... :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un nuovo supereroe sulla strada :P

      Elimina
  4. provarci sempre e comunque...alla fine hai raccolto i frutti!!!!!
    complimentiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' andata bene infatti. Frutti molto buoni tra l'altro

      Elimina
  5. Allora caro Giacomo..il 79' non l'abbiamo fatto nessuno dei due ma per entrambi è stato PB e 80' basso...direi che se riusciamo ad accordarci la prossima la potremmo correre insieme fino alla fine.
    Grande prestazione davvero...un abbraccio:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una ventina di secondi a separarci. Bravissimo anche tu Kikko, e pensare che l'anno scorso eri li anche tu. Dai che prima o poi una la facciamo assieme per forza.

      Elimina
  6. ma allora era più corta!!!!. a parte gli scherzi sei in una forma strepitosa. complimentoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, in effetti c'ho pensato anche io. Poi ho controllato il Garmin e i conti tornano

      Elimina
  7. eh si direi un cronometro. prestazione da incorniciare, bravissimo:-)
    e adesso c'è treviso......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da incorniciare per davvero Andrea. Sono veramente soddisfatto e anche un po' incredulo. Per Treviso si mette bene.

      Elimina
  8. Complimenti, per i tempi e per l'impostazione perfetta della gara (anche se improvvisata!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero. Nonostante l'improvvisazione è andato tutto per il meglio. Evidentemente sono riuscito ad ascoltarmi per bene.
      E grazie per i complimenti.

      Elimina
  9. WOW.
    Ormai sei in caduta libera verso il pianeta di quelli che corron sul serio.BRavo!
    Ma bravo veramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Hal. Tra me e quelli che corron sul serio c'è ancora un bell'abisso ma insomma, son soddisfatto anche così.

      Elimina
  10. troppo regolare, troppo regolare, potevi fare dei passaggi un po' diversi, così per animare la tabella dei tempi!!! Complimenti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta mi ci metto di impegno Peo!

      Elimina
  11. Risposte
    1. Non posso che essere d'accordo. E' andato tutto bene!

      Elimina
  12. Immenso Dude!! E' il tuo anno!!

    RispondiElimina
  13. non ho parole ma tanta ammirazione di sicuro
    complimenti, e ancora complimenti, hai classe da vendere
    sopratutto per come prendi le gare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea. I tuoi complimenti mi fanno un sacco piacere. Dai che tra un po' ci troviamo di nuovo ad incrociarci lungo le salite

      Elimina
  14. Risposte
    1. Grazie Lello...ma tu? Eri a Verona? Neanche visto cavolo...

      Elimina
  15. Spazi dall'asfalto alle montagne con tanta naturalezza...credo il tuo limite sia ancora lontano....bravissimo Giacomo!!

    Sabri (fulminea)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabrina. Speriamo sia lontano, la voglia di migliorarsi ancora non smette di esserci

      Elimina
  16. Sei stato davvero fantastico.
    Quasi irreale quel tuo sorriso nelle foto durante la gara. Davvero alla Gogol' o alla Bulgakov, se preferisci.
    E quella tua rarissima modestia.
    Da emulare.
    Ti auguro mille altri brividi così. Tutti meritatissimi
    Mirella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mirella, per me sei da emulare tu con tutta la tua conoscenza e le tue esperienze. Quelle sono cose di cui andare fieri.
      Queste qui, in fondo, sono carabattole. Anche se divertenti.
      Comunque grazie e benvenuta nel mondo della corsa. Auguro a te gli stessi brividi e tutti i benefici che la corsa sa apportare.

      Elimina

Scrivete un po' quel che vi pare, per il momento non modero perchè non c'ho voglia.
Solo una cosa, una firma è sempre gradita.

 
© 2012. Design by Main-Blogger - Blogger Template and Blogging Stuff